Silenziose atmosfere metafisiche, senza spazio e tempo, depurate dai tumulti effimeri della vita accolgono le riflessioni e le emozioni della pittrice, poetessa e stilista di moda Francesca Coli.

Dotata di grande quanto riservata sensibilità l’artista fiorentina Francesca Coli, da tempo ha intrapreso un caparbio percorso estetico dalle originali caratteristiche e dagli inaspettati risultati simbolici più che formalistici.

Nascono così le sue opere che nell’assecondare il bisogno di narrazione si sviluppano nel racconto di una cortese e quieta dimensione intimistico – familiare in cui presenze femminili dai perfetti ovali dei volti, complici purezze dei giochi dei bambini o integerrimi ritratti di famiglia vengono colti, senza retorica e senza subire giudizio, nei loro gesti quotidiani e privati.

Come icone di un eterno presente dalle atmosfere magiche e dagli accenti retrò queste figure sobriamente eleganti e leggere nei loro linearismi spesso private di caratterizzazione fisionomica, sembrano essere memorie di sogni e di ricordi lontani.

Speranze divenute capaci di superare l’usura del tempo e di liberarsi sulla tela dei turbamenti e delle passioni del vivere umano per dare vita attraverso un processo di un percorso spirituale che fuggendo dalle angosce del presente conduce in luoghi sicuri.

ARTISTA SELEZIONATA DALLA TRIENNALE DI  ARTI VISIVE A ROMA EDIZIONE 2014

Silent metaphysical atmospheres, without space and time, purified by the ephemeral tumults of life welcome the reflections and emotions of the painter, poet and fashion designer Francesca Coli.

Equipped with great sensitivity, the Florentine artist Francesca Coli, has long embarked on a stubborn aesthetic path with original features and unexpected symbolic results rather than formalistic.

This is how his works are born which, in following the need for narration, develop in the tale of a courteous and quiet intimistic family dimension in which feminine presences with perfect oval faces, accomplices purities of children’s games or perfect family portraits are captured, without rhetoric and without being judged, in their daily and private gestures.

As icons of an eternal present from magical atmospheres and retro accents these figures soberly elegant and light in their linearisms often deprived of physiognomic characterization, seem to be memories of dreams and distant memories.

Hopes that have become capable of overcoming the wear and tear of time and of freeing themselves on the canvas of the disturbances and passions of human life to give life through a process of a spiritual journey that, fleeing from the anguishes of the present, leads to safe places.

 

L’artista è rappresentata dalla galleria d’arte Mentana di Firenze che ne segue il percorso a livello professionale.

Si consiglia di visionare il suo portfolio online sul sito www.galleriamentana.it sulla nostra piattaforma E-Commerce.